L’elleboro nero, la rosa di Natale

Nonostante il suo aspetto fragile e delicato, l’elleboro nero è in realtà un fiore resistente, capace di fiorire fino al cuore dell’inverno! Il suo coraggio gli è valso il soprannome di rosa di Natale. È chiamato “nero” per il colore delle sue radici, mentre i suoi fiori sono generalmente di un bianco immacolato. Come coltivare con successo gli ellebori? Ecco tutti i nostri consigli su come curare l’elleboro nero

tre fiori in giardino di elleboro nero dal colore viola scuro

Caratteristiche dell’elleboro

Gli ellebori, il cui nome botanico è helleborus, comprendono circa 15 specie. Questa pianta di Natale perenne è originaria dell’Europa e dell’Asia. Gli ellebori sono fiori interessanti per giardini e vetrine perché fioriscono in inverno. 

L’elleboro nero o helleborus niger prende il nome dal colore delle sue radici rizomatose. I suoi adorabili fiori a forma di coppa hanno cinque sepali bianchi, a volte sfumati di rosa. 

L’elleboro nero fiorisce tra novembre e aprile, guadagnandosi il grazioso soprannome di “Rosa di Natale“. 

Come il cugino helleborus orientalis, l’helleborus niger ha un fogliame sempreverde. Le foglie formano graziosi ciuffi che possono essere utilizzati per creare bordure colorate in giardino o graziose fioriere in inverno. 

Come tutti gli ellebori, l’elleboro nero è una pianta velenosa! Qualunque sia la parte della pianta, non deve essere mangiata dall’uomo o dagli animali.

La storia dell’elleboro

due fiori di elleboro nero di colore bianco che spuntano dal giardino

Esistono riferimenti all’helleborus niger già nell’antichità, negli scritti di Teofrasto e Dioscoride. Le venivano già attribuite numerose virtù: oltre alle sue proprietà purgative, era considerato soprattutto un rimedio per la follia.

Diverse storie mitologiche abbondano a questo proposito: ad esempio, si dice che Eracle, reso folle da un incantesimo di Era al punto di uccidere i propri figli, abbia recuperato la sanità mentale grazie all’estratto di radice di elleboro.

Infatti, il termine “elleboro” deriva dal greco “helibar”, che veniva usato per descrivere un rimedio contro la follia. Questa credenza si è protratta fino al Medioevo.

Nel linguaggio dei fiori, l’associazione dell’elleboro nero alla follia ha invaso il simbolismo attribuito al fiore. Esprime un amore preoccupato, persino ansioso: “Rassicurami del tuo amore, il tuo silenzio mi preoccupa”.

Oggi gli ellebori sono fiori natalizi, parte integrante del Natale come i cactus di Natale e le stelle di Natale

Come curare l’elleboro: consigli per la coltivazioneì

primo piano elleboro bianco con centro giallo

Che si tratti di elleboro niger o orientalis, tutte le varietà di elleboro sono relativamente facili da curare. Questa pianta perenne può essere coltivata sia in vaso che in giardino. Tuttavia, la rosa di Natale non è una pianta da interno, poiché fiorisce solo quando la temperatura è fredda. 

Scegliere il posto giusto per coltivare la rosa di Natale  

Piantatelo in un luogo riparato dal vento: in un vaso sul balcone o in giardino sotto arbusti decidui. Prendete il tempo necessario per scegliere il luogo più adatto, perché una volta in terra gli ellebori non amano essere spostati.

Si noti inoltre che l’elleboro nero non ama i terreni acidi. Quindi, assicuratevi di piantarlo in un terreno leggero, ben drenato, neutro o calcareo.

Inoltre, gli ellebori si adattano a tutti i tipi di esposizione. Si possono quindi piantare al sole, in penombra o all’ombra. 

Piantare con successo gli ellebori

Il periodo migliore per piantare gli ellebori è la primavera. Piantateli tra marzo e maggio, dopo le ultime gelate. Iniziate a proteggervi indossando guanti da giardinaggio per evitare che la pianta venga a contatto con la vostra pelle. 

Per ogni pianta di elleboro, fate una buca di 40 cm di circonferenza e 40 cm di profondità. Poiché ogni pianta formerà un grazioso ciuffo fiorito di 30-45 cm di altezza e diametro, distanziate ogni buca di circa 50 cm.

Assicuratevi che il terreno sia ben drenato, poiché i ristagni d’acqua fanno marcire le radici degli ellebori.  

Successivamente, allentate il fondo della buca di impianto. Se necessario, potete aggiungere della sabbia per migliorare il drenaggio. Se piantate gli ellebori in un vaso, potete mettere uno strato di palline di argilla sul fondo del vaso. 

Posizionate quindi le piante, maneggiando con cura le radici. Riempite quindi ogni buca con una miscela di terra da giardino, compost e sabbia in parti uguali.  

Concludete innaffiando generosamente in modo che le radici aderiscano al terreno. Dopodiché, gli ellebori richiedono pochissime cure. 

Infine, anche se l’elleboro nero è una pianta invernale, la neve può bruciare i boccioli dei fiori. Per evitare che ciò accada, copriteli con un telo quando cade la neve. Per gli ellebori in vaso, è sufficiente posizionare i vasi sotto una tettoia.

Per curare gli ellebori in vaso è necessario prestare un po’ più di attenzione alle annaffiature.

Adattare l’annaffiatura degli ellebori in base al modo in cui vengono coltivati

L’annaffiatura dell’elleboro in vaso è importante, soprattutto in primavera e in estate, quando il clima è caldo. Il terreno deve essere sempre mantenuto umido, ma evitate di lasciare acqua stagnante nel piatto sotto il vaso. Per ridurre la necessità di annaffiare, si può optare per una posizione in penombra piuttosto che in pieno sole. 

L’Helleborus nero piantato in giardino avrà bisogno di annaffiature meno frequenti. È anche possibile pacciamare le piante con erba tagliata per mantenere il terreno fresco. 

La pacciamatura può essere utile anche nelle regioni in cui l’inverno è più rigido. Al di sotto dei -10°C, la pacciamatura della base della pianta proteggerà le radici dal gelo. 

Era dès 34.99 €
Abbraccio dès 42.99 €
Legame fiorito dès 44.99 €
Melodia dès 49.99 €

Potare gli ellebori quando sono in fiore

Rimuovete le foglie quando sono danneggiate e i fiori quando sono sbiaditi. Se lo desiderate, potete anche rimuovere parte del fogliame per rendere più visibili i fiori. Ma questo è solo per motivi estetici, perché le nuove foglie cresceranno dopo la fioritura. 

Intervenire su un elleboro le cui foglie stanno ingiallendo

Il cambiamento di colore delle foglie è spesso un segno di eccesso d’acqua. Infatti, può essere lo stesso motivo per cui le foglie diventano marroni o nere. Una soluzione è quella di ridurre l’irrigazione. 

Potete anche sollevare delicatamente la zolla della pianta e mettere qualche manciata di sabbia sotto le radici. In questo modo la rosa di Natale avrà un drenaggio migliore.

Elleboro nero fiore bianco con interno giallo

Gestione di parassiti e insetti

Sebbene la rosa di Natale sia una perenne particolarmente resistente, afidi e gasteropodi possono talvolta avvicinarsi un po’ troppo. 

In caso di infestazione da afidi, uno spruzzo d’acqua con sapone liquido dovrebbe essere sufficiente per eliminarli. Per quanto riguarda le lumache e le chiocciole, potete iniziare a rimuoverle manualmente. Poi mettete una barriera di legno intorno alla pianta. 

L’elleboro nero non ha più segreti per voi! Poiché questa pianta impiega dai 2 ai 3 anni per produrre i primi fiori, non dimenticate di essere pazienti. L’attesa è ampiamente ricompensata quando i primi boccioli compaiono nel cuore dell’inverno. Non esitate a raccoglierne qualcuno per un bouquet natalizio

E per saperne di più, scoprite tutto sul giacinto, un fiore che vi farà pregustare la primavera!

Era dès 34.99 €
Abbraccio dès 42.99 €
Legame fiorito dès 44.99 €
Melodia dès 49.99 €
Torna in alto